Manuale di utilizzo dei Segnali Operativi

FUNZIONAMENTO

Il servizio dei segnali operativi è distinto in Intraday, Multiday e Premium, quest’ultimo consente l’accesso ad entrambe le tipologie di segnali.
I nostri sistemi monitorano i dati estratti da un totale di 167 strumenti finanziari tra cui Forex, Azionario Italia, USA e Germania, Commodities, Indexes e obbligazionario.

Il servizio Intraday prevede l’invio di segnali generati in tempo reale su timeframe ristretti, richiede pertanto un discreto timing per il posizionamento dell’ordine.

Il servizio Multiday invece genera i segnali su timeframe più ampi quali H4 e Daily. Il calcolo dei segnali H4 viene effettuato ad ogni chiusura di candela, questi segnali sono quindi inviati ogni 4 ore, mentre i segnali Daily, invece, vengono generati con i dati di chiusura di giornata, pertanto quest’ultimi saranno inviati dopo la chiusura dei mercati in vista dell’apertura successiva. In questo modo sarà possibile inserire i livelli tramite degli ordini pendenti, senza dover controllare costantemente il monitor per verificare la presenza di un nuovo segnale.

L’informazione contenuta nel segnale presenta i seguenti livelli:

  • Livello di ingresso Long / Short
  • Livello Stop Loss
  • Target 1 (R/R 1:1)
  • Target 2 (R/R 1:1.618)
  • Target 3 (R/R 1:2.236)

È consigliabile eseguire i segnali con degli ordini pendenti per ovvi motivi. Inoltre è possibile che i segnali generati sui CFD possano differire di prezzo da broker a broker, in questo caso è consigliabile verificare che i livelli indicati dal segnale siano applicabili anche ai prezzi offerti dal nostro broker, qualora i livelli dovessero discostarsi in maniera notevole è consigliabile scartare il segnale.

IMPOSTAZIONE DI UN PIANO DI TRADING

È importante che prima di eseguire operazioni abbiamo stabilito un piano di trading. Dobbiamo definire un corretto piano di lavoro in modo da poter ottenere delle statistiche veritiere rispetto alla nostra operatività, per poter analizzare al meglio i possibili miglioramenti applicabili al nostro trading. Definendo un piano di trading la scelta del target da utilizzare rispettivamente ai valori indicati nei segnali sarà molto piu’ semplice, e ci toglierà ogni dubbio sulla gestione dell’operazione.

Sul nostro sito blog.marcotosoni.it e sul blog www.blog.marcotosoni.it è possibile trovare diverse trattazioni su come sviluppare il proprio modello di lavoro. Abbiamo creato anche 3 modelli Excel per l’impostazione di diversi tipi di Money Management, con i relativi simulatori possiamo testare diversi scenari, facendo dei test è possibile notare come la gestione del capitale influisca significativamente sull’esito del nostro lavoro.

ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Per operare al meglio con i segnali operativi è necessario posizionare gli ordini in tempo utile, maggiore sarà la velocità di posizionamento dell’ordine su un dato segnale minori saranno le possibilità di “perdere” il segnale.

Potrebbe capitare che accorgendoci tardi di un segnale il posizionamento dell’ordine su un dato livello non sia possibile a causa dello spread, o semplicemente i prezzi siano già stati superati. Nel caso in cui ci rendessimo conto di essere arrivati troppo tardi sul segnale, senza porci troppo domande è consigliabile aspettare quello successivo. Se i prezzi non sono ancora stati lavorati possiamo procedere all’esecuzione dell’ordine, anche se il segnale è stato generato tempo prima.

I segnali operativi inviati sono da considerarsi validi per tutta la giornata in cui vengono rendicontati, ma, più ci avviciniamo alla chiusura di giornata maggiori saranno le considerazioni da fare prima di eseguire l’ordine:


La volatilità dello strumento è poco elevata?
Ho altre posizioni aperte?
Conosco a sufficienza gli strumenti su cui sto operando?
Credo nell’operazione che sto impostando?

F.A.Q – FREQUENTLY ASKED QUESTIONS

Fatte le premesse di cui sopra, è inutile ripetere che una maggiore rapidità nell’esecuzione dell’ordine garantirà una corretta impostazione dell’operazione. (Lo ripeto lo stesso).
Risponderò ora alle domande poste con più frequenza rispetto all’operatività sui segnali:


Operando solo su alcuni strumenti, è possibile sotto-performare?
Qual è il settore dove si performa di più?
Devo aprire il conto presso qualche broker per seguire al meglio i vostri segnali?
Quanto capitale devo investire per utilizzare al meglio i vostri segnali?
Mandate aggiornamenti sulle posizioni? Comunicate se tenere fino a T2 o T3?
Dove posso vedere le performance ottenute tramite il servizio?
Ho aperto una posizione su un segnale Long su GLD, dopo qualche ora è stato generato un segnale Short sempre su GLD, cosa devo fare?

Spero che le informazioni contenute in questa guida possano esservi d’aiuto. Potete sempre scriverci per informazioni e/o per richiedere una consulenza a contatto@lacasadeltrader.com , piuttosto che contattarci telefonicamente allo  030 37 62 312.
Investire nella propria formazione è importante e deve essere considerato un investimento e non un costo. Il mercato ci farà pagare caro il prezzo della nostra scarsa preparazione. Consultate sempre il vostro consulente finanziario o un professionista di fiducia.

Buon trading!

No comments yet.

Lascia una risposta

© 2016 by    
Marco Tosoni