Virtual Certificates Portfolio #77

IN COLLABORAZIONE CON

 unicredit logo

 

Bentornati all’appuntamento con Virtual Certificates Portfolio. Il mese di Aprile si è confermato positivo come da attese, al netto di una settimana scorsa piuttosto difficile per il nostro indice (-1.68%). Con la seduta di Martedì si chiuderà il primo quadrimestre dell’anno e quindi l’occasione è ottima per fare il punto della situazione del mio portafoglio in certificati, in attesa di capire come si entrerà nel mese di Maggio che (insieme a Giugno, specialmente) è piuttosto delicato per i listini azionari internazionali.

 

  1. Top Bonus Doppia Barriera su EuroStoxx

Il primo strumento che ho in portafoglio (ereditato dall’anno passato) vede come sottostante EuroStoxx (qui la SCHEDA TECNICA). Osserviamo la situazione sul consueto grafico giornaliero:

Eurostoxx29042019

In questo caso avevo due barriere, 2818 e 3170, che grazie al brillante rally di questo primo quadrimestre 2019, sono state decisamente allontanate. Sfrutto quindi questa situazione per realizzare il certificato che avevo acquistato a 99, ad un prezzo di 105, realizzando una buona plusvalenza pari a poco più del 6%, liberando spazio in portafoglio vista la lunghezza della scadenza (18 Settembre 2020).

 

2. Bonus Cap su Juventus

In questo caso ho in portafoglio un Bonus Cap su Juventus (qui la SCHEDA TECNICA). Osserviamo la situazione sul consueto grafico giornaliero:

JUVE29042019

In questo caso la barriera è fissata a 0.767 col titolo a quotare attualmente 1.2590 (circa un 40% di distanza). Anche in questo caso preferisco realizzare una piccola plusvalenza (vendo a 109, dopo aver acquistato a 105.50): il titolo è molto volatile e l’uscita della Juventus dalla Champions League ha avuto negative ripercussioni. Tra poco inizierà la sessione di mercato dove le incognite sono diverse così come non è ancora certa la permanenza di Allegri nel ruolo di allenatore…tutte queste variabili difficili da prevedere, anzi direi totalmente impossibili per un analista tecnico, mi fanno pensare sia il caso di non andare a prendere rischi ed incassare adesso il guadagno che c’è.

 

3. Bonus Cap su Fiat Chrysler

In questo caso ho in portafoglio un Bonus Cap su Fiat Chrysler (qui la SCHEDA TECNICA). Osserviamo la situazione sul consueto grafico giornaliero:

FCA29042019

Qui la barriera è fissata a 10.472 col titolo a quotare attualmente 13.858 (circa un 24% di distanza). Anche in questo caso preferisco realizzare l’ottima plusvalenza (vendo a 108, dopo aver acquistato a 101.00; il bonus sarebbe al massimo 109.50): il titolo si trova a ridosso di una resistenza importante e tra Maggio e Giugno (questo Bonus Cap scade il 21/06/2019) potrebbe avvenire uno storno abbinato ad un aumento di volatilità. Realizzare adesso è pratica di buona prudenza.

 

4. Bonus Cap su Brembo

Ho in portafoglio anche un Bonus Cap su Brembo (qui la SCHEDA TECNICA). Osserviamo la situazione sul consueto grafico giornaliero:

BREMBO29042019

In questo caso, intendo mantenere in portafoglio questo Bonus Cap: per tre ragioni fondamentali. Innanzitutto, ho solo due certificati in portafoglio e quindi l’esposizione è del tutto limitata. In seconda battuta, il titolo ha ben rotto la trendline ribassista, che bloccava il bullish sentiment di Brembo ormai dalla fine del 2017 e questo è un buon elemento di fiducia, che potrebbe aprire scenari positivi nel futuro prossimo. Infine, il bonus di 108.00 è particolarmente allettante, considerato come sia stato in grado di comprare quando il sottostante era sui minimi e quindi dispongo di un prezzo di carico pari a 91.50. Utilizzerò quindi il mio prezzo di carico come stop loss: nel caso in cui il Bonus Cap dovesse tornare a questo livello, liquiderò a pari, diversamente cercherò di arrivare a fine anno (scadenza 19/12) realizzando un’ottima plusvalenza (poco meno del 20%) su base annua.

5. Corridor su Leonardo

In ottica di diversificazione, ho posizionato in portafoglio anche un Corridor Certificate su Leonardo (qui la SCHEDA TECNICA). Osserviamo la situazione sul consueto grafico giornaliero:

Leonardo29042019

Anche in questo caso, procedo alla vendita anticipata del Corridor, che quota 9 (comprato a 6): siamo non troppo distanti dalla barriera superiore di 12 e in caso non arrivasse lo storno di Maggio/Giugno andrei a rischiare inutilmente. Incasso una plusvalenza del 50% (guadagnati 3 euro a certificato per 6 di investimento)…è un ottimo risultato e mi fa molto piacere: ho sempre creduto in Leonardo e ne ho raccolto i frutti (con un cash collect quest’anno ed un bonus cap lo scorso).

 

6. Bonus Cap su Telecom Italia

In ogni portafoglio che si rispetti, ci vuole almeno una scommessa: ho quindi selezionato un Bonus Cap su Telecom in quest’ottica (qui la SCHEDA TECNICA). Osserviamo la situazione sul consueto grafico giornaliero:

TELECOM29042019

Ho acquistato questo Bonus Cap a 94.00, con le quotazioni attualmente a 102.20. Come su Brembo, vista l’esigua quantità in portafoglio (4 certificati), intendo provare a mantenere Telecom in portafoglio, visto che la barriera dista circa un 27% e che tutto sommato il titolo, sebbene a fatica, si stia muovendo piuttosto discretamente attraverso il canale che ho tracciato. Anche stavolta, utilizzerò il mio prezzo di 94.00 come stop loss, garantendomi un trade “gratuito”.

 

7. Cash Collect su UnipolSAI

Al fine di ottenere un buon grado di diversificazione del portafoglio e mostrare come ottenere anche un ricorrente flusso cedolare (mensile nella fattispecie), ho selezionato anche un Cash Collect su UnipolSAI (qui la SCHEDA TECNICA). Osserviamo la situazione sul consueto grafico giornaliero:

UNIPOLSAI29042019

Qui abbiamo un titolo che letteralmente, vola. Ho già incassato le prime due cedole da 0.50 cadauna ed il certificato sconta un prezzo di 101.45 (ho acquistato a 100.20), includendo quindi anche una piccola plusvalenza. La barriera è decisamente distante (31.22%) e la prossima data di valutazione sarà il 19 Settembre (strike 2.09): naturalmente mantengo questo ottimo strumento in portafoglio, potendo ragionevolmente contare su altre 5 cedole quasi certe.

 

8. Cash Collect su Bayer

Sempre in ottica flusso cedolare (mensile anche in questo caso), ho selezionato un ulteriore Cash Collect su Bayer (qui la SCHEDA TECNICA). Osserviamo la situazione sul consueto grafico giornaliero:

BAYER29042019

In questo caso la situazione è un pò più delicata: Bayer è da tempo un titolo relativamente debole rispetto al Dax tedesco e nonostante il discreto rimbalzo dai minimi di area 55.00 il titolo stenta a riprendersi in maniera convincente. Ho comunque anche qui incassato le prime due cedole e la barriera fissata a 46.613 dista ancora circa un 25%…sto alla finestra e vedo, confidando ancora nella ripresa del titolo dell’aspirina…l’autunno ed i malanni conseguenti sono lontani, ma sai mai, qualche allergia ai pollini primaverili potrebbe sostenere il titolo. Ironia a parte, rimango in stand-by: ho comprato il cash collect a 100.20 e adesso quota attorno a 97.00, provo a tenere duro e attendo. Un eventuale caso barriera non sarebbe un disastro.

 

9. Bonus Cap su Moncler

Tra i più recenti strumenti che ho collocato in portafoglio, c’è poi un Bonus Cap su Moncler (qui la SCHEDA TECNICA). Osserviamo la situazione sul consueto grafico giornaliero:

MONCLER29042019

Per quanto attiene Moncler, ho acquistato il certificato a 98.50 (quotazione attuale 99.50). La barriera è posizionata a 27.0675, distante circa il 25% dalle quotazioni attuali. Area 36/36.50 parrebbe essere una discreta resistenza per il titolo e tuttavia, immagino che i minimi di fine 2018 non verranno ritoccati da qui a fine anno: per questo motivo tenterò anche in questo caso di mantenere il Bonus Cap in portafoglio, al fine di incassare a fine anno l’ottimo bonus di 108.00.

 

10. Top Bonus Doppia Barriera su Ubi Banca

Altra scommessa: un Top Bonus Doppia barriera, dove punto sul recupero di forza relativa da parte di Ubi Banca (qui la SCHEDA TECNICA). Osserviamo la situazione sul consueto grafico giornaliero:

UBIBANCA29042019

In questo caso, durante la fase di correzione di Ubi Banca, dello scorso Marzo, ho puntato sulla ripresa del comparto bancario sfruttando la buona stagionalità prevista per Aprile. Al momento i fatti mi stanno dando ragione: a fronte di un prezzo di carico di 100.00, il Top Bonus Doppia Barriera quota oggi circa 106.30 incorporando una buona plusvalenza. Il certificato scadrà a fine anno e mi garantirebbe un bonus pari a 102.50 in caso di scadenza sopra 2.0024 che è la barriera inferiore (caso che considero altamente probabile), ed un bonus pari a 111.00 in caso Ubi Banca si trovi sopra 2.503 alla chiusura del giorno di valutazione finale del 18 Dicembre 2019 (ricordo che con la formula Top Bonus, la barriera viene considerata appunto solo nel giorno di valutazione finale e quindi potrebbe anche venire toccata nel corso della vita del certificato senza compromettere nulla). Provo in questo caso a cavalcare la buona onda del titolo e tento di arrivare a 111.00, diversamente mi accontenterò del bonus minimo, di cui sono ragionevolmente convinto potrò giovare.

 

11. Bonus Cap su Saras

L’ultima scommessa: un Bonus Cap su Saras, dove punto sulla tenuta dell’attuale area di supporto e sulla scadenza di breve termine, il prossimo 21 Giugno (qui la SCHEDA TECNICA). Osserviamo la situazione sul consueto grafico giornaliero:

SARAS29042019

Anche qui, come su Bayer, mi trovo in una situazione piuttosto delicata: il titolo non sta dando grandi segnali di vita e sta ri-testando i minimi del 2018…vero che Maggio e Giugno rappresentano mesi tipicamente ardui per i listini, ma anche vero che talvolta i titoli più sacrificati sono anche quelli che tengono meglio quando poi avvengono gli storni, in ottica di ri-bilanciamento dei portafogli: per questo motivo proverò a resistere e vedere di riuscire ad ottenere l’invitante bonus di 115.00. Ho questo certificato in carico a 105.00, che è anche la quotazione corrente: rimango molto vigile sulla situazione. Vediamo…

 

Vorrei concludere l’articolo, facendo presente che con Aprile 2019, la mia collaborazione con Unicredit raggiunge i 3 anni di storia. Nel corso del 2016 ho ottenuto un ritorno pari al 4.87% ovvero 487 euro, nel 2017 del 3.35% pari a 335 euro, nel 2018 ho concluso negativamente con un -1.82% pari a -182 euro, mentre in questo primo trimestre ho incassato a consuntivo un +3.91% pari a 391 euro. Nel complesso ho quindi realizzato plusvalenze lorde per 1.031 euro, un ritorno pari al +10.31% del mio portafoglio virtuale (10.000 €). Ritengo questo un discreto risultato, sebbene l’obiettivo sia quello di un miglioramento costante: posso peraltro già anticipare che questa rubrica è destinata ancora a continuare con mio grande orgoglio e quindi avremo tempo per crescere ancora. Quest’oggi ringrazio tutti Voi per avermi seguito e mi auguro avrete piacere di continuare a farlo, a partire dal Webinar di domani, 30 Aprile, dove recupererò la lezione dello scorso Giovedì, che non è potuta avvenire a causa di una mia indisposizione.

 

Il mio Portafoglio Virtuale è visualizzabile qui. Ricordo che per eventuali curiosità e commenti su questo articolo, è possibile contattarmi scrivendo al mio indirizzo mail info@marcotosoni.it

Il servizio Outlook Ftse Mib & Virtual Certificates Portfolio proseguirà anche nel corso di tutto il 2019, arricchito come sempre di un webinar gratuito mensile (qualora non fossi iscritto alla mia newsletter, è sufficiente registrarsi gratuitamente sul sito www.marcotosoni.itper ricevere mensilmente le credenziali di accesso). Prossimo appuntamento Martedì 30 Aprile (ore 18:00-19:00), dove oltre al consueto aggiornamento del mio portafoglio certificati ed identificazione di nuove opportunità, mostrerò alcune tecniche operative in Certificati.

Auguro un buon trading a tutti, dandovi appuntamento al prossimo articolo!

Comments are closed.

© 2016 by    
Marco Tosoni